Kuboraum

Sembrano maschere moderne, disegnate sul volto di chi le indossa.

Ideati a Berlino nello studio di Köpenicker strasse, ma realizzati tra Belluno e Longarone da artigiani italiani, gli occhiali Kuboraum portano alla ribalta modelli squadrati e d’avanguardia.

Non a caso il nome del marchio significa “stanza cubica”, uno spazio dove poter osservare il mondo attraverso lenti geometriche dalle forme spigolose e oversize con montature vistose, total black o tartaruga. Galeotto fu l’incontro tra il designer Livio Graziottin, già creatore di 24/7 Suits, e l’antropologo e marketing manager Sergio Eusebi al vernissage di una mostra nel quartiere di Mitte. Sono passati tre anni da allora e la collaborazione tra questi due geni creativi si è rivelata quanto mai proficua: dalla sua nascita il marchio Kuboraum è riuscito a vendere oltre 40mila pezzi di cui 23mila solo nel 2014. Merito di un eyewear dal look minimale che ha stregato star come la cantante Rihanna, l’attore italiano Raoul Bova e il cestista statunitense Le Bron James che possiede una mini collezione di dieci esemplari.